“Sono elettrica”, segnalati gli autori della pubblicità sessista

Pubblicità sessista a Ragusa: cittadini ed associazioni indignati. Ma l’azienda respinge le accuse al mittente. Chiamato in causa anche l’Istituto di Autodisciplina pubblicitaria.

Un rivenditore indipendente di scooter elettrici si è reso protagonista, a Ragusa, di una discutibile iniziativa pubblicitaria. Il manifesto pubblicitario ha immediatamente suscitato il malcontento nei cittadini e nelle istituzioni. L’azienda produttrice degli scooter reclamizzati respinge al mittente ogni accusa.

Annunci

Pubblicità segnalata a Istituto di autodisciplina pubblicitaria

Il primo cittadino di Ragusa, Peppe Cassì, ha provveduto a segnalare la pubblicità all’Istituto di Autodisciplina pubblicitaria: “L’Istituto ha, infatti, sottoscritto un Codice di autodisciplina che consente di bloccare e far ritirare le campagne sessiste o offensive a un apposito organo giudicante, il Giurì della pubblicità. Al tempo stesso stiamo procedendo con una diffida per l’agenzia pubblicitaria”.

Annunci

Il contenuto della pubblicità sessista a Ragusa

Sul manifesto pubblicitario in questione, volto a promuovere uno scooter elettrico, campeggiava la scritta “Vienimi dietro: sono elettrica”. L’azienda “Attrazione elettrica” ha scelto questa maniera per sponsorizzare la vendita di un nuovo scooter nel capoluogo siciliano con un cartellone 6×3 ed un post in bella mostra anche sul profilo Facebook aziendale.

“Attrazione elettrica”, che ha due punti vendita a Ragusa e Pozzallo, fa sapere di non avere nessuna intenzione, al momento, di ritirare la pubblicità. Quest’ultima farebbe parte di una strategia comunicativa più ampia e che non viene ritenuta un errore. Insieme ai legali, la società starebbe valutando quali iniziative intraprendere.

Cosa ne pensi di questa e di altre iniziative pubblicitarie simili? Commenta, qui sotto!

Annunci

Cosa ne pensi?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Supporta questo sito

Disattiva dal tuo browser le estensioni che bloccano le ads.

Se le ads sono invadenti, comunicamelo. Grazie, da Felice Tommasino.