La comunicazione del rischio, in caso di epidemie e crisi sanitarie


Annunci

I mezzi di comunicazione evolvono e con essi anche le forme e le modalità di comunicazione. Non fa eccezione la comunicazione del rischio, in caso di epidemie o crisi sanitarie, come nel caso della diffusione del Coronavirus. La consultazione di alcuni articoli del settore fornisce alcuni interessanti spunti. Vediamoli insieme.

Oggigiorno, riceviamo costantemente informazioni da molte fonti, che vanno dalla stampa alla televisione, dalle notifiche ai social media su dispositivi mobili.

Di solito, siamo più inclini ad accettare il rischio quando le fonti di pericolo sono sotto la nostra sfera di volontarietà, sono sotto il nostro controllo, sono naturali, hanno un’origine attendibile o sono più familiari.

Accettiamo il pericolo meno di buon grado quando i rischi ci vengono imposti o creati da altri, controllati da altri, sono generati dall’uomo, provengono da una fonte non attendibile o sembrano esotici. Un esempio, su tutti: molte persone sono più preoccupate di volare in aereo che di guidare un’auto, nonostante ogni anno si verifichino più incidenti stradali che incidenti aerei.

Una efficace comunicazione del rischio

La comunicazione del rischio dovrebbe essere effettuata con l’obiettivo di aiutare le persone a essere informate di un potenziale rischio in modo che possano prendere le decisioni appropriate per proteggere la loro salute, comprendere le attività di risposta e potenzialmente aiutare gli sforzi della comunità per affrontare il rischio.

Le buone pratiche di comunicazione del rischio tengono conto delle conoscenze individuali e della comunità, degli atteggiamenti e della percezione del rischio e dei messaggi su misura per garantire che le persone siano informate e che ricevano misure concrete per proteggersi dalle malattie infettive.

Essere chiari sulle incognite, su quale lavoro si sta svolgendo per aumentare la comprensione e sul fatto che le informazioni possono cambiare, aiuta ad aumentare l’accettazione dei messaggi.

Annunci

Il pubblico e i media si aspettano una risposta in tempi rapidi. Tuttavia, potrebbero essere necessarie considerazioni più misurate per garantire che le risposte proteggano effettivamente la salute della popolazione. Una comunicazione trasparente su ciò che viene fatto per determinare il miglior percorso da seguire può aiutare ad allentare parte della pressione, potenziale causa di una risposta non ottimale.

“Per eccesso di cautela”. Quante volte sentiamo questa frase? L’esperienza insegna che sarebbe meglio evitarla. Ciò che viene comunicato è che una certa azione potrebbe non essere necessaria ma verrà comunque eseguita solo per essere eccessivamente attenti.

Annunci

In realtà, tali azioni potrebbero comportare costi economici, restrizioni alle libertà civili e spreco di risorse. Inoltre, l’uso di questa frase e le attività che ne derivano potrebbero suggerire al pubblico che non dovrebbero fidarsi della scienza e delle raccomandazioni ufficiali.

Di seguito, due tabelle adattate da Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Preparazione e risposta alle emergenze: manuale e strumenti. http://emergency.cdc.gov/cerc/resources/index.asp

Cosa includere quando si implementano messaggi relativi alle epidemie

  • Un’espressione di empatia;
  • Che cos’è noto e un invito all’azione, incluso Chi? Che cosa? Quando? Dove? Perché? Come?;
  • Cosa è noto e cosa non è noto e come verranno ottenute le risposte per ciò che non è ancora noto;
  • Spiegazioni su quali azioni di sanità pubblica vengono prese e perché;
  • Una dichiarazione di impegno;
  • Quando saranno fornite ulteriori informazioni;
  • Nel frattempo dove trovare maggiori informazioni.
Annunci

Suggerimenti ed esempi di messaggi sulla comunicazione del rischio

  • Esprimere empatia e comprensione: “Sappiamo che questa situazione è spaventosa”;
  • Non rassicurare troppo: “Lasciami chiarire. Questa è una situazione difficile”;
  • Riconoscere l’incertezza: “Ecco cosa non sappiamo ancora.”
  • Condividere i dilemmi: “Possiamo fare [X] o [Y]. Se facciamo [X], ecco i vantaggi e gli svantaggi. Se facciamo [Y], i vantaggi e gli svantaggi sono. . “;
  • Possibili previsioni: “Nei prossimi giorni potremmo vedere più casi perché. . . ”;
  • Esprimere il desiderio di trovare le risposte a ciò che non è ancora noto: “Vorremmo avere delle risposte. . “;
  • Spiegare il processo in atto per trovare quelle risposte: “Ecco cosa stiamo facendo per saperne di più”;
  • Suggerire al pubblico alcune cose da fare: “Ecco cosa abbiamo bisogno che tu faccia”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.